Care politics and commons: Insights, reflections and critical perspectives from Naples

By Luca Recano

Translation by Ettore Santi

What does care mean?

Maintenance, repairing, healing, preservation, protection, attention, feeding? Affect, knowledge, contact? Care is fundamental to social life, but as Nancy Fraser identifies, care activities that form the foundations of the economy are often made invisible. Recognising the importance of care is a political issue. It relies on social struggles to make it visible. Different struggles exist with the politics of care – it is centrally implicated in the contradictions of capitalism and associated resistances.

Recently, Marxist feminist thinkers – among others: Susan Ferguson, Tithi Bhattacharya, Nancy Fraser – have proposed a revisiting of social reproduction theory. Collectively, this work has aimed to provide a deeper explanation of the intimate relations that constitute the complicated articulation among gender, race and class oppressions in the process of the “reproduction” of workers (as labour force) in capitalism as “a broad social formation” rather than just an economic system. These accounts illuminate that, on the one hand, care is implicated in the reproduction of the labour-force within capitalist social relations of (gender and race) oppression; and on the other hand, as the common ground for traditional or new practices of resistance, self-empowerment and community management against and beyond capitalist domination and exploitation – also resting on relations of care.

As an activist before being a scholar, it is clear to me that care has gained crucial importance within the recognition of “civic and collective urban uses” (or commons) of the city of Naples. Communities involved in the re-appropriation of abandoned public spaces, in order to “give ’em back to the city” (that is, to return them to the use of the residents, disregarding market logics), have had to deal with care at different scales.

Illlustration by Fran Murphy

The case of urban commons, where communities appropriate public or private spaces to care or maintain them – and so remove the double threat of abandonment or financial/rental speculation – is intertwined with the care of communities. Since the rise of autonomist “squatter” movements and through the social movements of today, the politics of care has been key to the fabric of struggles and the maintenance of re-appropriated public spaces.

Through the urban commons, community can establish itself within a physical space, that in turn is embedded in relation with social fabrics (and urban fabrics, in the case of Naples). These communities are then also immediately in proximity with the needs and problems affecting the people, and are well placed to know about emerging social issues in the city – for instance high rates of youth unemployment, evictions due to gentrification processes or landlord abuses, the lack of access to support for people with mental health problems, children without adequate educational services, appropriate domestic violence support services, or issues connected to community relations – the list goes on.

Community action through the urban commons can begin to address some of these issues and draw on the strengths of people with knowledge and skills that can be organised in self-production initiatives, or who come together through informal social networks dedicated to mutual support (whilst also recognising that this labour does not fall evenly in society). These networks of mutual support can be enhanced by the activation of a community process – sparking collaborations between communities that might otherwise have been separate but which can come together through sharing a space of sociality.

The re-appropriation of public spaces allows communities to regain autonomy and more control over the production of space. In can also lead to a sense of command over urban planning and in the “forms of life” (relational, social, organisational) that are experienced in relationships within the city  – providing the potential to reconfigure the city’s development. In the territorial struggles for public space, communities can take the responsibility for defending living conditions of present and future generations, often challenging urban policies considered as threats of extractive dispossession or environmental and social aggression. That is the very nature of commons.

Politics of care constitute the foundation for the experimentation of several mutual aid networks, which are hosted by communities in liberated spaces of the urban commons in Naples. These experiments have included: popular clinics (solidarity health supervision) and supportive neighborhood after-school programmes, as well as self-managed gyms and popular sports schools; listening and guidance desks or coordinated networks that have been created for people under threat of eviction as well as for precarious workers (who do not have either job security nor basic rights). There is support for the rights of convicted people, autonomous unions for the protection of migrants’ rights, and networks of solidarity and self-defence classes for preventing and responding to violence against women. There are theatres, rehearsal rooms and craft shops based on cooperative forms of artistic and cultural production. All these experiments constitute resistance against the aggression of neoliberal policies; beyond this, they represent attempts to re-organise social relations through non-capitalist relations of care and cooperation. The key to producing these experiments in care and cooperation is recognition of the time and commitment that constitute the reciprocal ties of communities, the skills needed to make them happen, and the potential for hardship and conflicts that might emerge in these relationships.

These practices, which in some case continue the work of grassroots communities and autonomous organisations, have found a new framework in the commons’ movement that has emerged in Naples – which has seen a cycle of new occupations that include housing spaces, neighborhood committees, social spaces, and the networking of the commons itself with an open/public system of self-governed spaces and self-defined as “emerging commons”.

In Naples there was a popular clinic in the early 2000s at the SKA occupied laboratory (a historic squat occupied during the Pantera student movement) which provided guidance, information and some basic medical assistance – especially to migrants and people excluded for various reasons from health services, or who are unable to access these services because they cannot bear the costs. The experiences that have developed since 2011, starting from the “Solidarity Health Presidium” based at “Zero81 (zone of rebel experiences)” in the popular Banchi Nuovi neighborhood, reflect the practices of self-organisation of health and care. Popular clinics represent a politically-oriented mode of organisation: giving assistance to people who can’t afford the ever more inaccessible costs or waiting lists of the National Health Service and  providing them basic medical functions, guidance services, and some specialised diagnostic functions that often fall in the private system, such as the dentist or ultrasound scans. The popular clinic uses machinery donated or purchased through crowdfunding and through the work of volunteer doctors and activists. They also organise citizens’ committees for the right to the healthcare – for instance struggling against cuts to public health services and the closing of medical departments, as in the case of San Gennaro hospital. In addition, the popular health clinics promote public activities and campaigns in order to discuss and practice what a community-based healthcare policy can be, critically reflecting on the power structures inherent in relations with official healthcare institutions and aiming to create an alternative relationship than between doctors and patients that instead promote mutual relations of care and self-organisation.

Presidio di Salute Solidale (Solidarity Health Presidium) in Zero81

Popular after-school activities are another example of radical care in action. In places where there are high rates of young people leaving school early and where they are exposed to precarious economic and socio-cultural conditions, popular after-school activities have become a way to experiment with new ways of caring for children and young people. Children are assisted in their homework and are supported in their relations with schools and social workers, who are frequently perceived as threat to families included in surveillance programs. The activities are self-financed and self-organised and delivered free of charge to the children, including through the collection of donations of books and equipment.

Doposcuola “Oltre la Scuola” (afterschool program) – open air activities

The after-school communities also promote discussions on educational and pedagogical practices, trying not to reproduce a copy of the scholastic institution but instead promoting a more mutualistic and liberated approach to education. The popular after-school programs have also formed a network, which every year promotes the Social Carnival, an initiative involving thousands of people that includes events, workshops and street parades in different districts of the city. The tradition of the Social Carnival was inaugurated over twenty years ago by Felice Pignataro, an influential street artist and educator in the Scampia neighborhood, who was the founder of Gridas, a long-standing social center that revived the cultural and social life of a marginalised area in the city. Care has become a cross-cutting issue demanding to be applied in dialogue in a variety of places, urban contexts, personal relationships, social rights and public services. The urban commons in Naples can show us that by thinking more about care, we can begin to redefine the social fabric across the city and re-construct an autonomous and experimental form of welfare.

Luca Recano is a scholar and activist. He is a PhD Candidate in International Studies at the University of Naples “L’Orientale”, with a research on social innovation, radical technocultures and socio-technical experiments as alternatives to digital capitalism and member of the Network of Emerging Commons and of the Observatory on Commons of the City of Naples. Luca tweets @LucaRecano.


Le Politiche della Cura e il Bene Comune: Approfondimenti, Riflessioni, e Prospettive Critiche da Napoli

Luca Recano

Traduzione di Ettore Santi

Cosa significa cura?

Mantenere, riparare, guarire, preservare, proteggere, attendere, sfamare? Affetto, conoscenza, contatto? La cura è fondamentale alla vita sociale ma, come riconosce Nancy Fraser, le attività di cura che compongono le fondamenta dell’economia sono spesso rese invisibili. Riconoscere l’importanza della cura è una questione politica. Si affida al conflitto sociale per divenire visibile. Esistono conflitti differenti all’interno delle politiche della cura – centralmente associati alle contraddizioni tra capitalismo e le sue resistenze.

Di recente, intellettuali appartenenti al Marxismo femminista – tra cui: Susan Ferguson, Tithi Bhattacharaya, Nancy Fraser – hanno proposto una rivisitazione della teoria della riproduzione sociale. Collettivamente, questo lavoro ha cercato di fornire una spiegazione più profonda delle relazioni intime che costituiscono le complicate articolazioni tra oppressione di genere, etnia e classe nel processo di “riproduzione” del lavoratore (inteso come forza lavoro) nel capitalismo come “vasta formazione sociale,” anziché mero sistema economico. Queste interpretazioni ci dicono che, da un lato, la cura fa parte della riproduzione della forza lavoro all’interno di relazioni sociali capitaliste di oppressione (di genere ed etnia); e, dall’altro, esistono come terreno comune per pratiche di resistenza tradizionali o nuove, potenziamento di sé e gestione della comunità contro e oltre la dominazione e lo sfruttamento capitalista –a loro volta basate su relazioni di cura.

Come attivista, prima che studioso, mi è chiaro che la cura abbia acquisito un’importanza cruciale nel riconoscimento degli “usi urbani civici e collettivi” (o beni comuni) della città di Napoli. Le comunità coinvolte nella riappropriazione di spazi pubblici urbani abbandonati, per “restituirli alla città” (ovvero per renderli agli usi dei residenti, al di là delle logiche di mercato) hanno dovuto confrontarsi con la cura a scale differenti.

Il caso dei beni comuni urbani, in cui le comunità si appropriano di spazi pubblici o privati per prendersene cura o mantenerli – e quindi rimuovere la duplice minaccia di abbandono o speculazione finanziaria/affittuaria – si intreccia con al cura delle comunità. Dalla nascita del movimento autonomista degli “squatter” e attraverso i movimenti sociali di oggi, le politiche della cura sono state determinanti nel tessuto dei conflitti e nel mantenimento degli spazi pubblici riappropriati.

Attraverso i beni comuni urbani, una comunità può stabilirsi all’interno dello spazio fisico, che a sua volta è incorporato nei tessuti sociali (e nei tessuti urbani, nel caso di Napoli). Queste comunità sono inoltre in immediata prossimità con i problemi che toccano le persone, e si collocano in una buona posizione per conoscere le problematiche sociali emergenti – per esempio gli alti tassi di disoccupazione giovanile, le espulsioni dovute a processi di gentrificazione o abusi dei proprietari, il mancato accesso al supporto per problemi di salute mentale, bambini senza adeguati servizi di educazione, o problemi connessi alle relazioni di comunità – e la lista prosegue.

L’azione comunitaria attraverso i beni comuni urbani può iniziare a confrontarsi con alcune di queste questioni attingendo dalla forza delle persone con conoscenze e capacità che possono essere organizzate in iniziative di auto-produzione, o che si riuniscono attraverso reti sociali informali dedite al rapporto reciproco (e al contempo riconoscendo che questo lavoro non ricade equamente sulla società). Queste reti di mutuo supporto possono essere intensificate tramite l’attivazione di processi comunitari – stimolando collaborazioni tra comunità che sarebbero altrimenti separate, e che invece si riuniscono attraverso la condivisione di uno spazio di socialità.

La riappropriazione degli spazi pubblici consente alle comunità di riacquisire autonomia e maggior controllo rispetto alla produzione dello spazio. Può inoltre produrre un senso di comando della pianificazione urbana e delle “forme di vita” (relazionale, sociale, organizzativa) che sono esperite nelle relazioni all’interno della città – fornendo un potenziale per riconfigurare lo sviluppo urbano. Nei conflitti territoriali riguardanti lo spazio pubblico, le comunità possono assumersi le responsabilità di difendere le condizioni di vita delle generazioni presenti e future, spesso contestando le politiche urbane che considerano minacce di espropriazioni estrattive o aggressioni sociali e ambientali. Questa è la vera natura del Bene Comune.

Le politiche della cura costituiscono la base per sperimentare diverse reti di aiuto reciproco che sono ospitate dalle comunità negli spazi liberati dei beni comuni urbani di Napoli. Questi esperimenti hanno riguardato: cliniche popolari (supervisione della salute di solidarietà) e programmi di doposcuola a supporto del quartiere, così come palestre autogestite e scuole sportive popolari; sportelli di guida e ascolto o reti coordinate create per persone sotto minaccia di sfratto, così come lavoratori precari (che non hanno sicurezza d’impiego o diritti fondamentali). C’è supporto per i diritti delle persone condannate, sindacati autonomi per la protezione dei diritti dei migranti, e reti di solidarietà e lezioni di autodifesa per prevenire e rispondere alla violenza sulle donne. Ci sono teatri, sale prove e negozi artigianali basati su forme cooperative di produzione artistica e culturale. Tutti questi esperimenti costituiscono una resistenza contro l’aggressività delle politiche neoliberiste; oltre ciò, rappresentano tentativi di riorganizzare i rapporti sociali attraverso relazioni non-capitalistiche di cura e cooperazione. La chiave per generare questi esperimenti di cura e cooperazione è il riconoscimento del tempo e dell’impegno che costituiscono i reciproci legami delle comunità, delle abilità necessarie per renderli possibili, e del potenziale per disagio e conflitti che possono emergere in queste relazioni.

Queste pratiche, che in certi casi continuano a funzionare ai livelli più bassi di comunità e organizzazioni autonome, hanno trovato un’articolazione nuova nel movimento comune che è emerso a Napoli – il quale ha visto un ciclo di nuove occupazioni che includono spazi residenziali, comitati di quartiere, spazi sociali, e la stessa messa in rete dei beni comuni con un sistema aperto/pubblico autogestito e autodefinitosi “emerging commons.”

A Napoli, nei primi anni 2000, c’era una clinica popolare nel laboratorio occupato da SKA (un’area storica occupata durante il movimento studentesco della Pantera) che ha fornito guida, informazioni e assistenza medica di base – specialmente a migranti e persone escluse per diversi motivi dai servizi medici, o che non potevano accedere a questi servizi per via dei costi eccessivi. Le esperienze che si sono sviluppate dal 2011 partendo dal “Presidio della Solidarietà della Salute” con sede a “Zero81 (zona di esperienze ribelli)” nel quartiere popolare Banchi Nuovi, riflette le pratiche di organizzazione e cura di se.

Le cliniche popolari rappresentano una modalità organizzativa politicamente orientata: dare assistenza alle persone che non possono permettersi i costi sempre più proibitivi o le liste d’attesa del Servizio Sanitario Nazionale e fornire loro funzioni mediche di base, servizi di assistenza, e alcune funzioni diagnostiche specializzate che spesso ricadono nel sistema privato, come dentisti o ecografie. La clinica popolare utilizza macchinari donati o acquistati attraverso il crowdfunding e tramite il lavoro dei dottori volontari e attivisti. Organizzano anche comitati dei cittadini per il diritto alla salute – per esempio combattendo contro i tagli ai servizi di sanità pubblica e la chiusura dei dipartimenti medici, come nel caso dell’ospedale San Gennaro. Inoltre, le cliniche popolari promuovono attività pubbliche e campagne per discutere e sperimentare quale possa essere una politica di sanità comunitaria, riflettendo criticamente sulle strutture di potere inerenti alle istituzioni della sanità ufficiale, e puntando a creare relazioni alternative a quella medico-paziente, e che invece promuovano relazioni di cura reciproca e auto-organizzazione.

Le attività di doposcuola popolare rappresentano un altro esempio di cura radicale in azione. Nei luoghi dove ci sono alti tassi di giovani che lasciano la scuola presto, ove sono esposti a condizioni economiche e socio-culturali precarie, i doposcuola popolari sono divenuti un modo per sperimentare nuove forme di cura per i bambini e i giovani. I bambini sono assistiti nei compiti e sono supportati nella loro relazione con la scuola e con i lavoratori sociali, che sono spesso percepiti come una minaccia per le famiglie incluse in programmi di sorveglianza. Le attività sono autofinanziate e auto-organizzate, e offerte gratuitamente ai bambini, compresa la donazione dei libri e dei materiali.

Le comunità dei doposcuola promuovono anche discussioni su pratiche pedagogiche e educative, cercando di non riprodurre una copia delle istituzioni scolastiche, ma piuttosto promuovendo un approccio all’educazione più mutualistico e libero. I programmi di doposcuola popolare hanno anche formato una rete che ogni anno promuove il Carnevale Sociale, un’iniziativa che coinvolge migliaia di persone e che include eventi, laboratori, e parate in diverse aree della città. La tradizione del Carnevale Sociale è stata inaugurata vent’anni fa da Felice Pignataro, un influente artista di strada e educatore nel quartiere di Scampia, fondatore di Gridas, un centro sociale di lungo corso che ravviva la vita sociale e culturale delle aree marginalizzate della città.

La cura è diventata una questione trasversale che richiede di essere applicata al dialogo in una varietà di luoghi, contesti urbani, relazioni personali, diritti sociali e servizi pubblici. I beni comuni urbani di Napoli possono mostrarci che pensando di più alla cura possiamo iniziare a ridefinire il tessuto sociale della città e ricostruire una forma di welfare autonomo e indipendente.

Translation by Ettore Santi. Ettore is a Ph.D. Candidate in Architecture – History, Theory, and Society at College of Environmental Design, University of California, Berkeley.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses cookies to personalise your experience and analyse site usage. See our Cookie Notice for more details.